Liceo Farnesina di Roma

Il Liceo Statale Farnesina Scientifico – Musicale è nato nel 1982 come costola del liceo Pasteur. Inizialmente solo liceo scientifico, è stato successivamente ampliato con l’introduzione in offerta formativa del piano musicale nel 2010; prima di allora aveva implementato con il Liceo Scientifico solamente l’indirizzo speciale P.N.I. cioè Piano Nazionale Informatico.

Liceo Farnesina: i cancelli di ingresso
Liceo Farnesina: i cancelli di ingresso

Il Liceo Farnesina di Roma non ha solamente una sede; nel corso degli anni il numero degli studenti iscritti e frequentanti è cresciuto via via e sono state fondate due succursali: una in via Gosio n. 90, in zona Collina Fleming; l’altra in via dei Robilant n. 7, nei pressi di Ponte Milvio. Rimane comunque attiva la sede centrale situata in via dei Giochi Istmici n.64. Con l’obiettivo di aumentare e potenziare l’offerta formativa, a partire dal 2015 al Liceo Farnesina di Roma si potrà anche conseguire la certificazione IGCSE con la sezione Cambridge.

La scuola prende il nome dal Palazzo Villa Farnesina.

Palazzo Villa Farnesina: la storia

Il liceo Farnesina prende nome dall'omonima Villa
Il liceo Farnesina prende nome dall’omonima Villa

Palazzo di Villa Farnesina fu costruito tra il 1505 e il 1511 a Trastevere per il banchiere Agostino Chigi. Era una zona bassa, vicino al fiume Tevere, dove un tempo crescevano i frutteti e i vigneti di Julio Cesar. Si crede persino che Cleopatra sia rimasta qui segretamente durante la sua visita a Roma con suo figlio Cesarione. Colui che certamente soggiornò fu Richelieu e Cristina di Svezia secoli dopo.

La villa è un perfetto esempio del Rinascimento a Roma: la loggia di Amore e Psiche come continuazione dei meravigliosi giardini, la loggia Galatea e altro.

La Farnesina è una fonte in cui percepire questo strano equilibrio del Rinascimento. In esso compaiono esseri mitologici, storie di divinità, simboli di saggezza. Integrano così una visione del mondo neoplatonico con la società cristiana che voleva fare di Roma la nuova Atene. Una nuova Atene che è allo stesso tempo la Gerusalemme celeste. Senza discontinuità, senza contraddizioni almeno apparenti. Personaggi come Savonarola, Lutero e molti ecclesiastici dopo Trento, considereranno il tema e la realizzazione come “troppo banali”.

Un’intera costellazione di grandi artisti si riuniscono nelle loro stanze per ricreare questo mondo pieno di speranze: Peruzzi, Del Piombo, Bazzi, Rafael.

La sala delle Prospettive, decorata da Baltasar Peruzzi, nell’ambiente in cui si svolgeva il banchetto nuziale di Agostino Chigi, è uno dei miei posti preferiti. Le pareti sono aperte all’immaginazione verso paesaggi e mondi immaginari. È un luogo che vuole rinunciare ai limiti dello spazio. Lì il tempo gioca a portarmi in un’epoca senza tempo, popolato da dei, giardini, scene in cui la realtà quotidiana è sublimata: il camino diventa la fucina di Vulcano. Uno dei luoghi più importanti dell’arte rinascimentale a Roma dove ti senti davvero affascinato dalla bellezza. In questa stanza della Villa Farnesina mi sento al centro di un universo di storie e luoghi, senza tempo.

Informazioni e contatti

Liceo Statale Farnesina Scientifico – Musicale
Via dei Giochi Istmici 64
00135 Roma
Email rmps49000c@istruzione.it

Succursali

via Gosio n. 90
(zona Collina Fleming)
via dei Robilant n. 7
(pressi di Ponte Milvio)